domenica 8 novembre 2015

ISOLE FIJI: KOKODA



Giunta alla fine del mio viaggio virtuale alle isole fiji, tanto ho studiato e poco ho trovato fra le ricette di questo luogo meraviglioso che non subisse influenze indiane troppo marcate per farmi scegliere di cucinare uno di quei piatti,avendo in realtà l'intento di scovare qualcosa di tipico fijiano.
Qualcosa da atollo, insomma. Ho quindi optato per il Kokoda, che è diffuso anche alle Samoa, ma che comunque mi risveglia nella mente immagini di paradisi tropicali e palme da cocco. 
Fra le miriadi di marinature di pesce in cui sono incappata nella vita, dal Perù al Messico all'Italia stessa, al Nord Europa, la Russia, il Giappone e così via all'infinito, mai avevo trovato il latte di cocco tra gli ingredienti: eccolo, l'atollo tropicale. 
Così e solo così avrei potuto immaginarmi una ricetta ancestrale, senza bisogno di fuoco, in un'isola in cui pesce e cocco sono sempre a disposizione. 


                          IL MIO KOKODA 


Per sei persone
 Mi serve:
 -un chilogrammo di filetto di pesce bianco come la cernia 
-il succo di tre lime
 -un cucchiaino di sale 
-il latte di un cocco (o 250 ml di latte di coccco) 
-una cipolla dorata 
 -un peperoncino piccante verde 
-2 pomodori 
-un peperone giallo 

 Tagliate il pesce in cubetti di circa un centimetro (abbondate)e mettetelo in una coppa di vetro.
Versate nella coppa il succo di lime e il sale e mescolate bene. Coprite con la pellicola e lasciate marinare in frigo tutta la notte (aspetta anche fino alla cena successiva senza averne danno, il pesce marinato).
 Al momento di servire aggiungete il latte di cocco (per ricavarlo dal cocco, aprite una noce di cocco, grattugiatene la polpa e spremetene il latte con un canovaccio), la cipolla e il peperoncino tritati,mescolate e aggiustate di sale.
Adagiate in un piatto una foglia di insalata, poneteci una porzione di pesce cospargendola di peperoni e pomodori tagliati a piccoli cubetti. 
Buon appetito!

5 commenti:

  1. davvero delizioso... complimenti!

    RispondiElimina
  2. Io l'ho preparato per Samoa e mi e' piaciuto molto. E' vero che fa sentire molto ai tropici :-)

    RispondiElimina
  3. provo a lasciare il commento qui, di là non riesco :-(
    doveva essere un drink di benvenuto, lo facciamo diventare di arrivederci :-)

    http://cindystarblog.blogspot.it/2015/11/bula-talei-drink-esotico-delle-isole.html

    grazie per l'ospitalità!

    RispondiElimina
  4. Buonissimo, brava e grazie per averci ospitati!! Ti aspetto in Tunisia!!

    RispondiElimina
  5. Buonissimo, brava e grazie per averci ospitati!! Ti aspetto in Tunisia!!

    RispondiElimina